pagina stampabile

Equipollenza del titolo

Nel settore della valutazione e del riconoscimento dei titoli di studio, una qualifica si definisce equipollente a un'altra quando entrambe, rilasciate da Istituzioni ufficiali e facenti parte ufficialmente del sistema nazionale di riferimento, producono tutti gli effetti giuridici e hanno il medesimo valore legale.
L'equipollenza è una forma di riconoscimento accademico che si basa sulla valutazione analitica di un titolo di istruzione superiore straniero con lo scopo di verificare se esso corrisponde in modo dettagliato per livello e contenuti a un analogo titolo universitario italiano tanto da poterlo definire equipollente e riconoscergli così lo stesso effetto giuridico. La valutazione viene effettuata comparando il titolo estero con il titolo rilasciato dall'università italiana.

L'equipollenza di un titolo estero può essere richiesta se:
- il titolo accademico è stato rilasciato all'estero da un'università o da altra istituzione di livello universitario che appartenga ufficialmente al sistema educativo di riferimento
- il titolo finale conseguito è di 1°, o di 2° o di 3° ciclo (bachelor-level o master-level, o più avanzato)
- esiste un titolo italiano con cui si possa comparare il titolo estero

Le università italiane, nella loro autonomia, possono valutare i titoli accademici stranieri, applicando gli Artt. 2 e 3 della Legge 148/02 (in attuazione della Convenzione di Lisbona), allo scopo di rilasciare gli analoghi titoli italiani.
La richiesta comporta il versamento di un contributo fisso di € 200,00 più € 16,00 di imposta fissa di bollo per ogni titolo rilasciato da Roma Tre per il quale si richiede l'equipollenza. Il riconoscimento dell'equipollenza comporta il versamento di un contributo fisso di € 350,00 (v. Regolamento Tasse e contributi studenti). La domanda si presenta a partire dal 16 GENNAIO 2017 fino al 7 APRILE 2017. Le procedure saranno pubblicate prossimamente online sul Portale dello Studente.
Il riconoscimento viene effettuato dalle autorità accademiche competenti entro il termine di 90 giorni fissato dalla legge.

Le autorità competenti possono:
1. Riconoscere l'equipollenza a tutti gli effetti del titolo accademico estero con quello rilasciato dall'Ateneo. La procedura si conclude con l'emanazione di un Decreto Rettorale su delibera del Senato Accademico, che renderà esecutiva la delibera della struttura didattica;
2. Riconoscere il titolo ai fini dell'ammissione a un corso di studio di Roma Tre con eventuale riconoscimento parziale della carriera estera.
Per il quadro completo delle norme applicate da Roma Tre e dei documenti da presentare si rimanda al Regolamento per l'ammissione ai corsi universitari con titolo estero e per il riconoscimento dei titoli esteri

Per l'equipollenza dei dottorati (PhD) rilasciati da università estere l'autorità competente è il Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca, che si avvale del parere del CUN (Consiglio Universitario Nazionale). Per informazioni sui requisiti da possedere al fine di poter accedere a tale procedura di riconoscimento e sulla documentazione da allegare alla domanda, contattare l'Ufficio IX del Ministero stesso (P.le Kennedy, 20 - 00144 Roma - tel. +39-06-9772.1 fax +39-06-9772.7242). Per maggiori informazioni collegati alla pagina del MIUR: http://www.istruzione.it/web/universita/equipollenza-dottorato-estero

Per l'equipollenza del titolo straniero a quello italiano necessario per partecipare ad un determinato bando di concorso pubblico, l'ente responsabile per la valutazione è la Presidenza del Consiglio dei Ministri - Dipartimento della Funzione Pubblica - Ufficio P.P.A. - Servizio Reclutamento- Corso Vittorio Emanuele II, 116 - 00186 Roma tel. 06-6899.7563 / 7453 / 7470; e-mail: servizioreclutamento@funzionepubblica.it .
Il riconoscimento dei titoli "professionali" è regolato da specifiche norme di attuazione delle direttive comunitarie nonché, da ultimo, dagli artt. 49 e 50 del DPR 31/08/1999 n. 394 del Regolamento applicativo del richiamato T.U. n. 286 del 25/07/1998, che assegnano la competenza ai Ministeri vigilanti sulle singole professioni.

Per maggiori informazioni o chiarimenti contattare:
AREA STUDENTI - Ufficio Studenti con Titolo Estero e Programmi di Mobilità d'Ateneo


 

Responsabile delle informazioni: Roberta Evangelista 7/12/2016