Rimborsi

Gli studenti e le studentesse iscritti/e ai corsi  di studio riformati (cd “nuovo ordinamento”) ai sensi del DM 509/1999 e del DM 270/2004 e gli studenti iscritti al corso di studi in Scienze della Formazione Primaria presentano la domanda online dalla propria area riservata del Portale dello Studente.
Gli studenti e le studentesse iscritti/e ai corsi ante riforma (cd “vecchio ordinamento) presentano la richiesta all’Area Studenti via segnalazione utilizzando la modulistica disponibile nell’apposita pagina del Portale dello Studente.

Contributi rimborsabili

  • Contributo d’iscrizione in caso di sospensione della carriera ottenuta successivamente al pagamento della prima rata, a condizione che non si siano sostenuti esami; l’importo non sarà restituito, ma potrà essere utilizzato all’atto di riattivazione della carriera
  • Contributo d’iscrizione agli immatricolati che comunichino l’intenzione di rinunciare alla carriera entro 20 giorni dalla data di immatricolazione
  • Tasse non dovute a esclusione dell’imposta fissa di bollo e della tassa regionale
  • Contributo di iscrizione nel caso di esonero per merito (vedi Esoneri totali Art. 20 Regolamento Tasse disponibile nella pagina dedicata ai Regolamenti in materia di Didattica e Studenti)

Contributi non rimborsabili

  • Contributo d’iscrizione in caso di successiva interruzione del rapporto con l’Ateneo (rinuncia, trasferimento, etc.) salvo il caso di cui al punto 2 dei “Contributi rimborsabili” suindicati
  • Tutti i contributi fissi indicati nel Regolamento Tasse
  • Contributi per l’iscrizione a singoli insegnamenti in caso di mancata frequenza o sostenimento degli esami previsti
  • Tassa regionale (eventuale domanda deve essere inoltrata a Laziodisu)
  • Imposta fissa di bollo

Ai sensi dell’art. 12 della Legge 214 del 22 dicembre 2011, il pagamento di rimborsi di importo pari a 1.000 euro o superiore può avvenire esclusivamente tramite accreditamento su conto corrente bancario o postale, ovvero su altri strumenti di pagamento elettronici prescelti dal beneficiario. Il beneficiario deve essere intestatario del conto.
Se non vengono indicati i dati bancari e l’importo è inferiore ai 1.000 euro, il rimborso è erogato d’ufficio tramite mandato per cassa.

I rimborsi devono essere riscossi entro la fine dell’anno. Dopo tale data la somma viene restituita all’Ateneo e per poterla riscuotere è necessario presentare specifica richiesta per l’emissione di un nuovo mandato.

Informazioni di sistema 05 Giugno 2020