Attestazione ISEE difforme

Passaggi della procedura

  • Premessa
  • Come verificare la dichiarazione in Gomp
  • Come ripresentare una nuova dichiarazione
  • Come avvalerti della dichiarazione difforme
  • Come fare in caso di errore
  • Per ulteriori informazioni sull’ISEE

Premessa

L’attestazione ISEE viene predisposta in funzione dei dati autodichiarati dal contribuente, delle informazioni fornite dall’Agenzia delle Entrate e degli elementi già presenti negli archivi INPS, e riporta analiticamente anche le eventuali difformità e/o omissioni che emergono dal confronto con quanto presente in anagrafe tributaria e dai controlli automatici dell’INPS stesso.

L’Università, in ottemperanza a quanto disposto dall’articolo 10 del Decreto Legislativo 29 marzo 2012, n.68, predispone opportuni CONTROLLI . Nel caso in cui dalle verifiche effettuate risulti che la dichiarazione non è veritiera e ciò sia rilevante ai fini della concessione del beneficio, sarai soggetto alle sanzioni previste dalla legge tra le quali il pagamento di una somma di importo triplo rispetto al valore dei servizi indebitamente fruiti e alla perdita del diritto ad ottenere altre erogazioni per la durata del corso di studi (ovvero l’inquadramento nell’ultima fascia contributiva per tutta la durata del corso degli studi).

Verificare se nell’attestazione ISEE sono presenti annotazioni di omissioni o difformità (vedi sezione Annotazioni); qualora siano presenti annotazioni procedere con le indicazioni contenute nella presente guida, diversamente non è necessaria alcuna ulteriore operazione.


Come verificare la dichiarazione in Gomp

Selezionare nella sezione Dati Anagrafici e Personali la voce I.S.E.E.

In caso di dichiarazione difforme, nell’indicazione dello stato sarà presente la dicitura ATTESTAZIONE DIFFORME.

Considerando la rilevanza delle conseguenti sanzioni l’Università ha previsto, a tutela dello studente, di non acquisire automaticamente la dichiarazione difforme a seguito della sola autorizzazione ad accedere alla banca dati INPS ma di richiederti un ulteriore ed esplicito assenso volto a confermare la volontà di avvalerti dell’attestazione difforme.

Come ripresentare una nuova dichiarazione

Qualora si sia in possesso di una dichiarazione difforme e si voglia ripresentare una nuova dichiarazione sarà necessario cliccare sul tasto ANNULLA.

Il sistema chiederà una seconda conferma (Vuoi ANNULLARE la presente attestazione al fine di ripresentare una nuova DSU, comprensiva delle informazioni in precedenza omesse o diversamente esposte?) a cui sarà necessario rispondere cliccando sul tasto SI.

Il risultato dell’operazione sarà evidente nella pagina.

A questo punto verrà ancora visualizzata l’attestazione scaricata, ma lo studente sarà inquadrato nell’ultima fascia contributiva fino a presentazione di una nuova attestazione.

Sarà necessario quindi procedere nell’ordine a:

  1. recarsi presso il CAF oppure procedere sul sito dell’INPS a presentare una nuova dichiarazione. È importante notare che, qualora la dichiarazione sia presentata oltre il termine indicato nel Regolamento Tasse e contributi dell’anno accademico di riferimento, sarai soggetto alle sanzioni previste per ritardata presentazione;
  2. verificare, una volta ricevuta la nuova attestazione ISEE, che non siano presenti ulteriori difformità od omissioni;
  3. ogni settimana il sistema procederà automaticamente ad accedere alla banca dati INPS per scaricare l’attestazione conforme.

Come avvalerti della dichiarazione difforme

Qualora si sia in possesso di una dichiarazione difforme e si voglia comunque avvalerti di tale dichiarazione (con tutte le eventuali conseguenze del caso) dovrai entrare e  cliccare sul tasto CONFERMA.

Il sistema richiederà una seconda conferma a cui sarà necessario rispondere cliccando sul tasto SI.

Il risultato dell’operazione sarà evidente nella pagina.

L’Università, in ottemperanza a quanto disposto dall’articolo 10 del Decreto Legislativo 29 marzo 2012, n. 68, predispone opportuni CONTROLLI. Nel caso in cui dalle verifiche effettuate risulti che la dichiarazione non è veritiera e ciò sia rilevante ai fini della concessione del beneficio, sarai soggetto alle sanzioni previste dalla legge tra le quali il pagamento di una somma di importo triplo rispetto al valore dei servizi indebitamente fruiti e alla perdita del diritto ad ottenere altre erogazioni per la durata del corso di studi (ovvero l’inquadramento nell’ultima fascia contributiva per tutta la durata del corso degli studi).

Come fare in caso di errore

Qualora per errore venga premuto un tasto sbagliato e si fosse involontariamente espressa la volontà di utilizzare una dichiarazione difforme, invitiamo lo studente ad aprire un ticket agli uffici di Segreteria Studenti chiedendo la rinuncia ad utilizzare l’attestazione difforme presentata.

Per ulteriori informazioni sull’ISEE

Per eventuali ulteriori informazioni e spiegazioni specifiche relative all’ISEE è possibile rivolgersi all’URP: http://host.uniroma3.it/uffici/urp/page.php?page=ISEEU81.

Diego Cucchi 19 Luglio 2018